12 romanzi, 4 raccolte di 65 racconti e 1 libro per ragazzi. I 12 romanzi: 1. A casa di Mrs Lippincote (Neri Pozza, 2009) [At Mrs. Lippincote's, 1945] 2. Palladian (1946) 3. A View of the Harbour (1947) 4. Una ghirlanda di rose (Medusa Mondadori, 1953) [A Wreath of Roses, 1949] 5. A Game of Hide and Seek (1951) 6. The Sleeping Beauty (1953) 7. Angel (Neri Pozza, 2007) [The Real Life of Angel Deverell, 1957] 8. In a Summer Season (1961 & 1983) 9. La gentilezza in persona (Giano, 2003) [The Soul of Kindness, 1964] 10. The Wedding Group (1968) 11. Mrs Palfrey all’Hotel Claremont (Astoria edizioni, 2018) [Mrs Palfrey at the Claremont, 1971 & 1982] 12. La colpa (Neri Pozza, 2008) [Blaming, 1976] Le 4 raccolte di 65 racconti (esiste un volume che li raccoglie tutti, Complete Short Stories, 2012): 1. Hester Lilly (1954) 2. The Blush and Other Stories (1958) 3. A Dedicated Man and Other Stories (1965) 4. The Devastating Boys (1972) L’unico libro per ragazzi: Mossy Trotter (Biancoenero, 2012) [Mossy Trotter, 1967].
TESTI DI APPROFONDIMENTO (a destra): Elizabeth Taylor: A Centenary Celebration (Cambridge Scholars Publishing, 2012) Nicola Beauman, The Other Elizabeth Taylor  (Persephone Books Ltd, 2009)
SCRITTORI CHE LEGGO
LEGGO E SCRIVO
Elizabeth Taylor
Considerata   l’erede   di   Jane   Austen ,   per   stile,   inglesità   e   per   racconto   d’apparenza,   di interni,   di   rapporti   familiari   poco   lineari   e   sviscerati   in   tutta   la   loro   femminilità,   è Elizabeth   Taylor   (1912-1975)   che,   n ata   Dorothy   Betty   Coles   e   malauguratamente   (per l’omonimia   che   ne   sarebbe   derivata)   sposata   a   John   Michael   Taylor,   visse   63   anni   e scrisse   17   libri.   Amata   e   stimata   in   patria,   in   Italia   la   Taylor   è   pubblicata   da   Neri Pozza    e    di    recente    da    Astoria    che    stanno    recuperando    i    suoi    romanzi    considerati capolavori   della   letteratura,   spesso   paragonati   alle   opere   di   Jane   Austen,    da   leggere con    la    flemma    tipicamente    inglese    d’altri    tempi    che    il    suo    stile    e    le    sue    storie impongono.   In   Gran   Bretagna   è   così   apprezzata   da   entrare   a   far   parte   della   schiera   di narratrici   che   comprende      appuno   Jane   Austen    ma   anche   Elizabeth   Bowen   e   Barbara Pym,   definite   soul   sisters ”   dalla   collega   Anne   Tyler   ossia   le   regine   di   sensibilità, talento   e   stile   che   con   la   letteratura   hanno   raccontato   le   sfumature   della   quotidianità femminile.    Proprio    come    Jane    Austen ,    Elizabeth    Taylor    ha    condotto    una    vita appartata.    Prima    di    sposarsi    aveva    lavorato    come    bibliotecaria    e    governante,    poi, accanto   al   marito,   proprietario   di   una   azienda   dolciaria,   e   ai   loro   due   figli,   aveva assaporato   il   fascino   della    routine    casalinga   descrivendola   fin   nei   dettagli   nei   suoi scritti.   La   Taylor   ha   iniziato   a   pubblicare   all’età   di   trentaquattro   anni   e   pare   scrivesse “lentamente   e   senza   divertimento”   durante   le   faccende   domestiche   o   nelle   pause   dai figli   (grazie   ai   quali   ha   toccato   con   mano   i   sottili   sentimenti   dell’infanzia,   le   ossessioni, le   insicurezze   e   i   sospetti,   preziose   fonti   per   i   suoi   romanzi).   Nonostante   la   scrittura appassionata,   la   sua   narrativa   non   racconta   niente   di   sensazionale   ed   è   limitata   alla sfera   sociale,   privilegiando   il   vissuto   delle   donne   della   middle-class    della   provincia inglese.